Donne professioniste nell'avvocatura tra disuguaglianze di genere, divari reddituali e squilibri pensionistici

8 Mar '21 Mon 14:30 EEST03/08/2021 5:30pm webinar public Donne professioniste nell'avvocatura tra disuguaglianze di genere, divari reddituali e squilibri pensionistici Europe/Vilnius 03/08/2021 2:30pm
8 Mar '21 Mon 17:30 EEST
Past

Node tabs

Event

(English below)

Il lavoro delle donne è cambiato profondamente con la pandemia. Le donne lavoratrici sono state e sono tutt’ora in prima linea, sia per la loro ampia presenza in settori cruciali come la sanità o i servizi, sia per il loro ruolo multitasking in famiglia, dove si destreggiano fra smart working, didattica a distanza dei figli e cura di anziani, disabili e malati. Le donne inoltre sono presenti in maggioranza nei settori che più colpiti dalla crisi economica indotta dalla pandemia (turismo, commercio, spettacolo).Ma anche il settore delle professioni è stato pesantemente colpito, lo sappiamo bene.

  • Come è cambiato anche il nostro lavoro con il Coronavirus?

  • E le donne professioniste nell’avvocatura soffrono di più dei colleghi maschi?

  • Quanto rileva la conciliazione famiglia/ lavoro nella determinazione del Gender Gap?

Non vi è dubbio che la situazione professionale, reddituale e pensionistica delle colleghe presentava già delle rilevanti criticità. Lo dicono i numeri, sia quelli planetari del World Economic Forum ma anche quelli, domestici ed indiscutibili, forniti dalla Cassa Forense.

Oggi, 8 marzo, dedicheremo la Giornata Internazionale della Donna ad una franca riflessione sulle disparità ancora presenti fra avvocate e avvocati, e ci interrogheremo, con l’aiuto di esperti/e, sulle ragioni, anche culturali, di tale divario e sulle misure da adottare per porvi rimedio.
Il CPO considera cruciale questa riflessione, nella convinzione che la nostra comunità, che si ispira alla Carta Costituzionale ed al principio d’eguaglianza, non possa più tollerare disparità “in ragione del genere” nella società tutta ed a maggior ragione nell’Avvocatura.

----

Women's work has changed profoundly with the pandemic. Working women have been and still are at the forefront, both for their wide presence in crucial sectors such as healthcare or services and for their multitasking role in the family, where they juggle smart working, remote education for children and care of the elderly, the disabled and the sick. Furthermore, women are mostly present in the sectors most affected by the economic crisis induced by the pandemic (tourism, commerce, entertainment). But the professions sector has also been heavily affected, we know this well.

 

  • How has our work with the Coronavirus also changed?

  • And do women in the legal profession suffer more than male colleagues?

  • How important is the work / family balance in determining the gender gap?

There is no doubt that the professional, income, and pension situation of the female colleagues already presented significant criticalities. The numbers say so, both the planetary ones of the World Economic Forum but also those, domestic and indisputable, provided by the Italian Cassa Forense.

Today, 8 March, we will dedicate International Women's Day to a sincere reflection on the disparities still present between female and male - lawyers, and we will question ourselves, with the help of experts, on the reasons, including cultural ones, of this gap and on the measures to be taken to remedy.
The Commission for Equal Opportunities-Florence Bar Association considers this reflection crucial, in the conviction that our community, which is inspired by the Constitutional Charta and the principle of equality, can no longer tolerate disparities "on the basis of gender" in society as a whole and even more so in the Bar.